Top

Il portale di informazione del Gargano

Registra qui la tua attività GRATIS

Lago di Varano Punto di interesse

    Situato sulla costa Nord del Gargano, tradizionalmente è chiamato “lago”, quando, in realtà si tratta di una laguna. Scavato nella massa calcarea garganica, tra il promontorio di Monte d'Elio e la punta di Rodi Garganico, ha forma vagamente trapezoidale che si estende per una larghezza di circa 10 km, risultando incassato all'interno del promontorio garganico per circa 7 km.
    Il suo perimetro misura circa 33 km, la sua superficie è pari a 60,5 km² e la profondità delle acque varia da 2 a circa 5 metri (con una media di 3 metri), a seconda dei luoghi, man mano che ci si allontana dalla riva verso il centro del bacino.
    A Nord è separato dal mare Adriatico da una strettissima linea di terra, chiamata “isola”, lunga circa 10 km e larga 1 km, coperta di pini, eucalipti e altre piante.
    Il lago è alimentato da due sorgenti sotterranee e comunica con il mare Adriatico tramite due canali: la foce di Varano e la foce di Capojale.
    Le acque del lago bagnano i territori comunali di Cagnano Varano, Carpino e Ischitella, anche se nessuno di questi comuni si affaccia direttamente sullo specchio lacustre.
    Nel I secolo d.C., secondo la documentazione di Plinio il Vecchio, al posto dell'attuale lago esisteva solo un'insenatura (o un golfo) definito dal naturalista latino “Seno Uriano”.
    La formazione di un cordone litoraneo, avvenuta ad opera delle correnti marine e dei venti che hanno trasportato i detriti dai fiumi che hanno foce nel medio Adriatico, ha chiuso quest'insenatura marina facendo nascere in tal modo il "lago" di Varano.
    L'avifauna è molto ricca, come in tutte le zone umide d'Italia: numerosi cormorani (fino a 3000) vivono nella Foce Capoiale. Sono numerosi anche gli svassi maggiori e gli smerghi minori, un tipo di anatra che può raggiungere in volo orizzontale i 129 km/h.
    Altre anatre presenti sono la folaga e altre anatre dei paesi nordici, che passano qui l'inverno, come la moretta grigia e il quattrocchi comune. Si osservano varie specie di aironi, tipici a tutte le zone umide italiane: l'airone cinerino, l'airone rosso, la garzetta e l'airone bianco maggiore, che può essere spesso confuso con la garzetta. Molto semplicemente, l'airone bianco maggiore è più grande della garzetta e, d'inverno, presenta il becco giallo invece che quello nero della "cugina".
    Immancabile è il martin pescatore comune, mentre sulle dune intorno al lago troviamo dei chiurli maggiori, dei beccaccini e dei cavalieri d'Italia, che qui nidificano anche.
    La flora acquatica comprende numerose ninfee comuni e numerose canne di tutti i tipi: di palude, comuni. Sulla terraferma intorno al lago, prevale la macchia mediterranea soprattutto, insieme al salice piangente. La costa è coperta da pini domestici, pini marittimi ed eucalipti.


    Lago di Varano, FG, Italia